Quanto è sicura la Tunisia per i turisti?

La Tunisia era una destinazione turistica molto popolare per molti turisti europei, come quelli britannici, grazie a prezzi economici e un bel tempo godibile per la maggior parte dell’anno. Tuttavia, il turismo della Tunisia ha sofferto a partire dal 2015, dopo che un attacco terroristico a Sousse ha ucciso 38 persone in una sparatoria di massa. Trenta delle vittime erano turisti britannici: quanto basta per poter spingere i locali fornitori di viaggi a fermare i voli per il Paese.

La conseguenza è stata evidente: il turismo è sceso da 440.000 turisti britannici nel 2014 a un volume previsto nel 2018 di appena 80.000 turisti. I voli per il Paese sono d’altronde ripresi solo quest’anno con TUI e Thomas Cook che hanno annunciato l’avvio dei propri nuovi pacchetti estivi per questa destinazione. Ma è sicuro viaggiare in Tunisia dopo l’attacco terroristico di qualche anno fa?

Più volte le autorità tunisine hanno insistito sul fatto che il Paese è sicuro per i turisti, avendo aumentato la sicurezza e le forze di polizia nelle destinazioni più popolari. Si tratta di un modo per reagire alle numerose accuse mostrate nei mesi successivi all’attacco terroristico, quando il Paese fu accusato di non aver preso provvedimenti incisivi.

Il capo della comunicazione Khalifa Chibani ha dichiarato a Travel Weekly che “c’è un’intensificazione della sicurezza, con la presenza di ufficiali nei villaggi turistici, sulle spiagge, negli hotel, nei centri ricreativi, sulle strade utilizzate dagli autobus turistici e in tutti i luoghi che attirano visitatori. Abbiamo pattuglie mobili sulla costa e assicuriamo la periferia delle località turistiche, con forze aggiuntive pronte all’azione. Le nostre forze di sicurezza sono pronte a fronteggiare qualsiasi minaccia”

Insomma, una buona rassicurazione. E anche il Foreign and Commonwealth Office (FCO) ha ribadito che “dall’attacco terroristico a Sousse, nel giugno 2015, che ha preso di mira i turisti, il governo britannico ha lavorato a stretto contatto con le autorità tunisine per indagare sull’attacco e sulla più ampia minaccia dei gruppi terroristici. Il governo tunisino ha migliorato la sicurezza e la protezione nelle grandi città e nelle località turistiche”.

Ad ogni modo, FCO avvisa che gli attacchi terroristici sono “molto probabili” specialmente a Tunisi e vicino a siti e festival religiosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *