Cosa fare in caso di tratta aerea annullata

Recentemente avete acquistato un biglietto per la vostra destinazione preferita con una compagnia aerea, ma non avete mai preso quel volo perché la società nel frattempo ha cancellato senza preavviso la tratta?

Purtroppo, la vostra situazione non è affatto rara, perché anche se è vero che molte compagnie aeree stanno cercando di raffinare i propri servizi in maniera sempre più di qualità, può capitare che i voli vengano cancellati per varie ragioni, e che magari si debba attendere troppo tempo per poter riavere il proprio denaro.

Ma che cosa si può fare in caso di tratta aerea annullata?

Diciamo che, come sempre, bisogna valutare caso per caso, ma ci sono comunque alcuni comportamenti che chiunque può porre in essere per poter cercare di vedere rispettati i propri diritti e, dunque, arrivare a disporre del mercato indennizzo.

In particolar modo, il Centro europeo consumatori (ecc-netitalia.it) spiga che se una tratta viene soppressa, come nel caso che abbiamo ipotizzato in apertura di questo breve approfondimento, la Carta dei diritti del passeggero prevede il rimborso del biglietto.

C’è un “ma”, ed è proprio per questo motivo che abbiamo sopra specificato che bisognerà valutare caso per caso. Ipotizziamo, per esempio, che la tratta sia stata annullata perché la società è andata in crisi, come accaduto recentemente a Wow Air. In quel caso, la compagnia aerea aveva sospeso i voli dopo aver presentato un’istanza di fallimento. In questo caso l’unica possibilità per riavere i propri soldi è farsi inserire tra i creditori della compagnia nella procedura fallimentare. Si tratta di una procedura un po’ più lunga, ma val pur sempre la pena cercare di far valere i propri diritti anche attraverso questa strada.

In particolare, per presentare l’istanza, alla quale andranno allegate le copie dei biglietti che non sono stati utilizzati, conviene farsi assistere da un avvocato o da un’associazione dei consumatori.

In line di massima, si può ben ricordare come chi acquista un biglietto tramite un’agenzia viaggi ha di norma maggiori speranze di ottenere un rimborso. Di solito, infatti, le agenzie di viaggio stipulano delle specifiche assicurazioni che coprono anche le cancellazioni dovute al fallimento delle compagnie aeree.

Dunque, come sempre, anche in questo caso bisogna pur sempre aprire gli occhi e farsi sempre trovare pronti a far valere i propri diritti, fin dalle ore successive alla cancellazione della tratta. Spesso la tempestività è una caratteristica fondamentale per poter cercare di riavere i propri soldi, e – almeno in parte – cercare di ridurre il disagio sofferto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi